FARMACAP: PREOCCUPAZIONE E ACCORDI

Preoccupazioni e accordi. Il 26 Giugno 2017, si è tenuto un ulteriore incontro tra il Commissario, Avv. Stefanori e le organizzazioni sindacali. Di seguito i punti salienti: Per quanto riguarda la...

Read more

SE VINCE IL NO SI TORNA INDIETRO DI 30 A…

SE VINCE IL NO SI TORNA INDIETRO DI 30 ANNI, SOSTENGONO RENZI E I SUOI...Magari! I sostenitori della controriforma della Costituzione affermano che se vincesse il NO il paese tornerebbe indietro...

Read more

CAMERA DEL LAVORO AUTORGANIZZATA ROMA SU…

Seminario autogestito di approfondimento 20 maggio 2017 presso CAMERA DEL LAVORO AUTORGANIZZATA ROMA SUD EST - VIA OSTUNI 9 Relazione/intervento a cura di Roberto Martelli (operatore di Camere del Lavoro Autorganizzate...

Read more

Il fronte del No alle deleghe scende in …

Mentre la discussione politica all’interno del PD si infiamma, il fronte del No alle deleghe della legge 107/2015 è sempre più consistente e interno anche allo stesso PD.Dopo il tavolo...

Read more

Donne in Lotta - No Austerity

NESSUN DIRITTO ALLE DONNE… QUANDO STANNO ZITTE E QUANDO PARLANO Come Donne in lotta e come intero Fronte di lotta No Austerity iniziamo coll’esprimere ovviamente la massima, totale e incondizionata solidarietà...

Read more

SI RIUNISCE IL COMITATO DIFESA LAVORATRI…

IL 6 DICEMBRE 2016 ALLE ORE 18.30 SI RIUNISCE IL COMITATO DIFESA LAVORATRICI E LAVORATORI DI ROMA MULTISERVIZI Spa, per organizzare la presenza alla seduta dell'Assemblea Capitolina (Consiglio Comunale) di...

Read more
More from this category

ordinanza Balneare Comune di Rimini. Urgente Richiesta di continuazione servizio di salvamento dal 14 al 20 Settembre.

Elenchiamo sinteticamente le motivazioni della richiesta sopra in oggetto scaturita da attento confronto e riflessione.

VERTENZA VINTA PASSAGGIO 152 OPERAI SANGALLI VETRO
di SAN GIORGIO NOGARO (UDINE) A MULTINAZIONALE TURCA SISECAM FLAT GLASS ITALIA (gruppo SISECAM) SENZA APPLICAZIONE DI JOBS ACT E ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DEI 30 PRECARI.
UN ALTRO RISULTATO A FAVORE DI OPERAI, IN MAGGIORANZA AUTORGANIZZATI CON UNIONE SINDACALE ITALIANA, CONTRO LE ESIGENZE DEI PADRONI DELLE MULTINAZIONALI
L'Usi di Udine e il sindacato USI METALMECCANICI E INDUSTRIA, segnalano che dopo una vertenza durata molti mesi di procedure di risanamento, cassa integrazione e di controllo costante della rappresentanbza sindacale aziendale (in maggioranza aderente all'Usi come del resto la forza lavoro)  si è respinto un ultimo tentativo, di peggiorare rapporti di lavoro.

NO!! RENZI GRAZIE
L’Unione Sindacale Italiana per un chiaro NO (sociale)
ALLA MODIFICA PEGGIORATIVA DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.
Il 4 dicembre vai a votare e vota NO
al referendum costituzionale voluto da renzi
La Costituzione è nostra e non si tocca
DICIAMO NO: alla “controriforma” della Costituzione, voluta dal governo Renzi, da confindustria, dalle banche e dall’unione europea (che pretendono maggiore mano libera per portare avanti i loro progetti e la difesa dei “loro” interessi”, che non coincidono con gli interessi delle classi lavoratrici e dei settori disagiati e sfiancati dalla crisi);

Questa la risposta all'articolo fatto dai confederali che si erano presi tutto il merito, non si sa per cosa dato che in tre più UGL rappresentano circa 7/8 Lavoratori.
Questo il comunicato stampa completo.
uDINE,27/10/ 2016

Abbiamo portato a termine un operazione sindacale importante,piccolezze,partendo da un 'RSA,non RSU,ma proprio una rappresentanza diretta dei Lavoratori abbiamo ottenuto tutta la nostra piattaforma rivendicativa....successo dei Lavoratori,per averci sostenuto e per aver creduto ad una formula "vecchia" di rappresentanza,quella diretta,non falsata da sindacalesimi di comodo, o da funzionari vendibili e comperabili,un accordo firmato con il consenso REALE dei Lavoratori ,poi,rientro nella mia personale realtà,lavoratore anch'io,non funzionario,per coerenza ad un antico Statuto ancora degno del rispetto assoluto di tutti noi,per confortare la mia stanchezza dopo incontri durati anche 17 ore,mi sento ribadire il concetto che gli sforzi vanno pagati.....


COMUNICATO STAMPA 602, 27/7/2016

Come volevasi dimostrare: la farsa si è compiuta e la maggioranza con la Serracchiani in testa, decretando la inammissibilità del referendum abrogativo della legge 5/2016 (servizio idrico e rifiuti) ha sancito il disprezzo per la democrazia                
Lo si era capito sin dal primo momento che era stato tutto preordinato, che l'ufficio di presidenza del Consiglio regionale, non avrebbe raggiunto la unanimità dei voti e che avrebbe immediatamente passato la palla all'aula, cioè alla stessa compagine bulgara che priva di ogni autonomia decisionale vota a comando e nell'interesse del gestore unico pronto ad impadronirsi dei lucrosi servizi.

                                      Milano 05.08.2016


Il.ma  Sindaca di Roma Capitale
                                       Virginia Raggi
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
e. p.c.
        Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
                                                                CHIEDIAMO
    Al fine di tutelare il benessere degli animali ivi ospitati e il lavoro delle/dei dipendenti che per 15 anni hanno svolto il loro servizio nella gestione dei due canili comunali rimasti, dopo chiusura della struttura IL POVERELLO di Acilia, che Roma Capitale sospenda in autotutela la procedura di bando in corso per queste due strutture; essa comporterebbe il passaggio alla gestione privata dei canili privati e alla deportazione di molti animali. Il servizio in queste strutture, dove è presente anche la ASL e dove vi sono stati anche controlli ripetuti dei NAS, non solo è un eccellenza nella cura degli animali abbandonati (600 cani e 50 gatti), ma promuove e ha realizzato dal 2014 l'adozione integrale di tutti gli animali ospitati; cosa che invece non avviene nei canili privati, spesso mal gestiti perché non hanno convenienza a promuovere adozioni degli animali, dato che perderebbero così la convenzione.

Usi propone e si sta già attivando, per costruire iniziativa e presidio sit in il 14 giugno (in concomitanza con altro sciopero generale e manifestazione in Francia) in una piazza a Roma (piazza Trilussa o Piazza Farnese) nel pomeriggio (dalle 18 alle 20)  a sostegno delle lotte di lavoratori, lavoratrici e disoccupati francesi che si stanno opponendo, da mesi, alla legge di ristrutturazione del mercato del lavoro (il c.d. "jobs act francese") e lo smantellamento di diritti consolidati e per sostenere anche la manifestazione del 18 giugno in Spagna, tra i promotori principali la CGT, sui servizi pubblici e di opposizione alle ristrutturazioni.

Ieri 30 giugno le strade di Bari e di San Ferdinando si sono riempite ancora una volta di lavoratori e lavoratrici delle campagne,sostenuti da altri lavoratori e solidali, per chiedere a gran voce documenti, contratti, case, trasporti
É stata una lunga è importante giornata di mobilitazione, che ha visto i due cortei contemporanei sfilare nelle rispettive città fino ai palazzi del potere, per pretendere risposte concrete a questioni che non possono più essere rimandate.
A Bari la manifestazione è

Quattro euro e mezzo l’ora è troppo poco. Quella paga viola la Costituzione. E poco importa se fa parte di un contratto di lavoro, sottoscritto da sindacati tra i più rappresentativi, come Cgil e Cisl. Così, il giudice del lavoro ha cancellato con una sentenza il trattamento economico previsto dal contratto «Servizi Fiduciari» (Sefi), che aveva spinto un addetto alla vigilanza a chiedere Giustizia.
La storia
Mario (nome di fantasia) faceva quel lavoro dal 2010 all’istituto bancario Societé Generale Securité Service SpA, a Torino. Era dipendente della Manitalidea, che aveva vinto l’appalto per il servizio. Quando ha iniziato, il suo stipendio era di mille e 243 euro (lordi) al mese.

Pagina 8 di 9
cpr certification online
cpr certification onlinecpr certification onlinecpr certification online