RESOCONTO INCONTRO 28NOV2016 C.C.P. PERS…

La mattina di lunedì 28 novembre 2016 si è tenuto in Campidoglio, alla sala del Carroccio, l'incontro tra la Commissione consiliare per le Risorse Umane/Personale e tutte le OO.SS. di...

Read more

FARMACAP: PREOCCUPAZIONE E ACCORDI

Preoccupazioni e accordi. Il 26 Giugno 2017, si è tenuto un ulteriore incontro tra il Commissario, Avv. Stefanori e le organizzazioni sindacali. Di seguito i punti salienti: Per quanto riguarda la...

Read more

CAMERA DEL LAVORO AUTORGANIZZATA ROMA SU…

Seminario autogestito di approfondimento 20 maggio 2017 presso CAMERA DEL LAVORO AUTORGANIZZATA ROMA SUD EST - VIA OSTUNI 9 Relazione/intervento a cura di Roberto Martelli (operatore di Camere del Lavoro Autorganizzate...

Read more

NO!! RENZI GRAZIE

NO!! RENZI GRAZIE L’Unione Sindacale Italiana per un chiaro NO (sociale)ALLA MODIFICA PEGGIORATIVA DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.Il 4 dicembre vai a votare e vota NOal referendum costituzionale voluto da renziLa Costituzione...

Read more

UN ATTO VERGOGNOSO A FIRMA MARCELLO DE V…

L'USI Unione Sindacale Italiana esprime la piena solidarietà nei confronti di quei cittadini che hanno ricevuto un provvedimento di “esclusione dall'Aula Giulio Cesare” a firma del Presidente dell'Assemblea Capitolina Marcello...

Read more

RAGGRUPPAMENTO OP. SOCIALI IN LOTTA DI R…

RAGGRUPPAMENTO OP. SOCIALI IN LOTTA DI ROMA e cose da fareRESOCONTO RIUNIONE 28 NOVEMBRE 2016Si è svolta la riunione pubblica del Raggruppamento Operatrici e Operatori sociali in Lotta di Roma...

Read more
More from this category

megafonoNESSUN DIRITTO ALLE DONNE… QUANDO STANNO ZITTE E QUANDO PARLANO

Come Donne in lotta e come intero Fronte di lotta No Austerity iniziamo coll’esprimere ovviamente la massima, totale e incondizionata solidarietà a tutte le vittime della vicenda che stiamo per illustrare, e coll’affermare la nostra volontà di non abbandonare la lotta per il riconoscimento dei nostri diritti.

Qualche mese fa il processo per un caso di stupro, quello di Laura, ripetutamente violentata e minacciata sul posto di lavoro da parte di un collega, si è chiuso con una sentenza assurda: l’assoluzione del molestatore poiché Laura che ha denunciato le violenze e minacce subite per anni sul posto di lavoro, non ha urlato e in questo modo avrebbe manifestato il suo consenso.

megafonoÈ necessario e urgente unirsi per contrastare lo sfruttamento sistemico che anche nel nostro paese umilia i diritti e schiaccia dignità del lavoro e qualità della vita delle masse popolari. Dalle lotte sul posto di lavoro, alle lotte contro la distruzione del territorio operata dalla Tav, alle battaglie per il diritto alla casa, alla salute e all’istruzione, un unico filo di coraggio e volontà di riscatto, unisce donne e uomini oggi impegnati contro l'arroganza e il cinismo del capitalismo criminale.
In tale panorama di mobilitazione, la repressione del sistema è sempre più reazionaria e violenta, colpendo direttamente gli attivisti in lotta e minando la libertà di dissenso con attacchi liberticidi al diritto di sciopero, misure perpetrate con il vile sostegno delle burocrazie di organizzazioni sindacali maggioritarie sempre più conniventi col governo e con i padroni.

logooSOTTOSCRITTO IL 28 AGOSTO 2017, ACCORDO SINDACALE CON SOCIETA' SISECAM  (aderente
a società multinazionale turca leader mondiale nel settore vetro e lavorazioni del vetro) a Udine, su proroga
contratti a tempo determinato e prossime stabilizzazioni a tempo indeterminato, degli operai già Sangalli.

megafonoRiceviamo, per darne massina diffusione e solidarietà, non solo ovviamente "umana",
ma internazionale con altri segmenti di classi lavoratrici e  di settori sfruttati, in nome di una
cultura "dell'emergenza" che ha già prodotto tanti danni e che non è la soluzione alla
contraddizione tra sfruttamento dell'immigrazione (specie nel bracciantato agricolo...), di buone pratiche, spesso negate o ..."sgomberate", come anche in questo ennesimo fatto, di accoglienza, vista dalla classica angolazione e profilo della "sicurezza" e della
repressione. La nostra lunga marcia e lotta, di libertà e di emancipazione, prosegue...anche per loro...

SmegafonoOSTENIAMO LE RAGIONI DI LAVORATRICI, LAVORATORI, autorganizzati con Slai Cobas per il sindacato di classe E FAMILIARI degli UTENTI

Stamattina forte protesta degli Assistenti igienico-personale organizzati nello Slai Cobas per il s.c. all'Assessorato Regionale alla Famiglia contro i previsti primi 70 tagli ai posti di lavoro, a partire da settembre 2017, per l'illegittimo "gioco a tre carte" del MIUR, della Regione Siciliana e della Città Metropolitana di Palermo, fatto solo e unicamente per risparmiare a danno di studenti disabili e lavoratori con gravissima leSione del diritto allo studio dei primi e al lavoro dei secondi.

logooAI LAVORATORI E LAVORATRICI DELLE PORTINERIE, DELLE PULIZIE DELLE MANUTENZIONI,

 AL PERSONALE DOCENTE E AMMINISTRATIVO DELL’UNIVERSITA’ ROMA TRE E A STUDENTI-STUDENTESSE

Una volta tanto vorremmo parlare dell’USI (Unione Sindacale Italiana, quella fondata nel 1912 tra gli altri da Giuseppe Di Vittorio) e di GIANMARIA, per anni nostro delegato a ROMA TRE

E’ ripreso da un po’ di tempo, a scopo denigratorio se non diffamatorio, lo “sparlare” sull’attività del sindacato autorganizzato, autogestito, autofinanziato e indipendente Usi (Unione Sindacale Italiana) e delle strutture federate.

Il Cineforum “La Settima Arte” con la collaborazione della sezione USICONS dell’XI Municipio

DOMENICA 23 LUGLIO alle ore 19

presenta:

LA MALA EDUCACION

Immagine incorporata 3Scritto e diretto da Pedro Almodóvar (Spagna 2004), con Gael García Bernal, Fele Martínez, Daniel Giménez-Cacho, Lluis Homar, Francisco Boira, è il film più personale del regista: anche se non strettamente autobiografico, denuncia gli abusi e le distorsioni del sistema educativo confessionale nella Spagna franchista degli anni '60.

a seguire cena sociale

Entrata a offerta libera ….. con distribuzione

di bevande non alcoliche e di “cibarie” varie ….

c/o la sede in Piazza Mosca 50 (Montecucco)
Per contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

fax 06/77201444

manifAll'ennesimo tavolo odierno, 19 luglio 2017,
in cui il Comune di Roma  (Roma Capitale) attraverso il city manager, dr. Giampaoletti, non ha prodotto alcun tipo di documento tecnico, specifico, relativamente i passi che porterebbero alla predisposizione della gara a doppio oggetto (scelta ufficializzata dalla sindaca Raggi per la situazione Multiservizi),  le organizzazioni sindacali Cgil,
Cisl e Uil e l'USI presenti all'incontro,  dopo un momento di confronto con l'ampia delegazione di lavoratori e
lavoratrici (presente anche il Comitato dei lavoratori),  hanno deciso di rompere la trattativa.

logooCare/i colleghe/i, a seguito di richiesta di informazioni in merito eventuale convocazione per discutere il premio produzione, mi è pervenuta la risposta del dr. Ruberti (ancora nelle funzioni di Amm. re Delegato e Presidente),  che riporta la recente approvazione del bilancio aziendale e la valutazione, in merito il premio, "se convocare un tavolo specifico prima dell'approvazione del nuovo Consiglio di Amministrazione o rinviare successivamente". Ahimè, viviamo un momento di transizione particolare, tanto che recentemente è apparso sul sito aziendale il bando di gara...per l'esternalizzazione di parte del servizio di custodia, biglietteria e dei PIT (lo stiamo studiano e poi interverremo per la parte che ci compete).

FOTO 2 PRESIDIO 10LUG2017 CAMPIDOGLIO LAV ROMA MULTISERVIZI indetto da UsiSi è svolto nonostante il gran caldo e l’afa, un partecipato presidio con assemblea operaia informativa al Campidoglio, su Roma Multiservizi, nel pomeriggio del 10 luglio 2017. Al presidio assemblea, promosso dall’Unione Sindacale Italiana, hanno complessivamente partecipato un numero di dipendenti pari a quelli che hanno partecipato, il 7 luglio all’assemblea indetta congiuntamente da Cgil Cisl Uil di categoria.

Nel corso dell’iniziativa, sono state date informazioni e aggiornamenti sulle varie situazioni che interessano i lavoratori e le lavoratrici dell’azienda, ancora a maggioranza pubblica, specie per quanto riguarda le varie procedure di licenziamento collettivo che sono state messe in atto nei vari appalti.

Pagina 2 di 9
cpr certification online
cpr certification onlinecpr certification onlinecpr certification online