SE VINCE IL NO SI TORNA INDIETRO DI 30 A…

SE VINCE IL NO SI TORNA INDIETRO DI 30 ANNI, SOSTENGONO RENZI E I SUOI...Magari! I sostenitori della controriforma della Costituzione affermano che se vincesse il NO il paese tornerebbe indietro...

Read more

Fronte di Lotta No Austerity: SCIOPERI, …

È necessario e urgente unirsi per contrastare lo sfruttamento sistemico che anche nel nostro paese umilia i diritti e schiaccia dignità del lavoro e qualità della vita delle masse popolari...

Read more

PROSEGUE L'APPELLO DI SOLIDARIETA' CON L…

"E quindi la soluzione ideale su cui starebbe lavorando l'assessore Colomban (per salvare i lavoratori Multiservizi) sarebbe la "gara a doppio oggetto"?...Complimenti! ".Questo il commento sarcastico di Giuseppe Martelli, segretario...

Read more

LE FERIE SONO UN DIRITTO COSTITUZIONALE …

Continua l’intervento della segreteria e delle strutture territoriali di USI Commercio Turismo e Servizi, in sigla USI C.T.&S., anche a Bologna, in una realtà divenuta più difficile nel sistema degli...

Read more

NON AVETE SCUSE!

È arrivato il momento, di scendere in piazza in massa. Il 27 e 28 Aprile ci sarà il consiglio comunale che discuterà gli indirizzi per la messa al bando di...

Read more

IL CANILE DELLA MURATELLA RESTA (ANCORA…

“E il canile comunale, di fatto, resta ancora autogestito”. E' quanto afferma Serenetta Monti vice segretario romano dell'USI a conclusione dell'incontro di ieri a margine della prima seduta di Bilancio...

Read more
More from this category
Martedì, 17 Ottobre 2017 07:51

PROCLAMAZIONE DI SCIOPERO GENERALE NAZIONALE INTERA GIORNATA

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Per tutto il personale a tempo indeterminato e determinato, con contratti precari e atipici, per tutti i comparti, aree pubbliche (compresa scuola) e le categorie del lavoro
privato e cooperativo, per il giorno 10 novembre 2017.

logooLa confederazione sindacale unione sindacale italiana in sigla usi, fondata nel 1912, comunica la proclamazione di sciopero generale nazionale intera giornata, per tutto il personale a tempo indeterminato e determinato, con contratti precari e atipici, per tutti i comparti, aree pubbliche e le categorie del lavoro privato e cooperativo, per il giorno 10
novembre 2017, per permettere manifestazioni locali e nazionali in quella giornata, in concomitanza o congiuntamente a iniziative di altre oo.ss. scioperanti (cobas, unicobas, usb)

Motivi dell’agitazione sindacale e dello sciopero: contrasto a misure governative e di indicazione internazionale, di peggioramento delle condizioni lavorative, di riduzione del sistema di protezione sociale e per la piena fruizione dei diritti sociali e sanitari, per l’istruzione pubblica e di massa, con contrasto alle misure poste dalla legge 107/2015 e decreti attuativi, anche per istituto “alternanza scuola–lavoro”, per realizzazione diritto allo studio e integrazione alunni-e con disabilita’ e disagi, per diritti continuità lavorativa e salariale personale servizi scolastici esternalizzati, (assistenza scolastica alunni-e disabili, pulizie, mense, trasporti scolastici, ristorazione, servizi ausiliari), per la piena ed efficace tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e negli ambienti di lavoro, per il salario-reddito minimo intercategoriale non inferiore a 1300 euro netti mensili, per il diritto all’abitare per tutti/e, per la parita’ di salario a parita’ di lavoro e la riduzione dell’orario di lavoro, contro gli effetti della precarieta’ lavorativa (legittimata dal “jobs act e decreti attuativi), per la stabilizzazione di precari e precarie, per l’abbassamento dell’eta’ pensionabile e la perequazione delle pensioni, per i diritti sociali e di cittadinanza, per contrasto alle leggi minniti orlando e contro pratiche razziste e intolleranti in contrasto con principi universali e costituzionali, per una cultura che nella scuola, nelle universita’, nei servizi educativi, bandisca testi e pratiche di contenuto sessista, per contrasto a scelte non opportune su esternalizzazioni, liberalizzazioni, privatizzazioni ed effetti penalizzanti e dannosi per lavoratori e lavoratrici e beneficiari dei servizi, su attivita’ e servizi di rilevanza pubblica (istruzione-educazione- formazione professionale, sanita’, trasporti/mobilita’, energia, servizi culturali, servizi sociali e socio assistenziali-educativi- di orientamento).
La confederazione sindacale nazionale usi, accetta le limitazioni imposte dalle leggi e dai contratti di lavoro sullo sciopero nei servizi minimi essenziali. sono esentate le zone colpite da calamita’ naturali, o con consultazioni elettorali, si assicurano i servizi minimi essenziali e quelli obbligatori.
Saranno comunicate le adesioni di sindacati di categoria e comparto e articolazioni sciopero.

 

Letto 1570 volte Ultima modifica il Martedì, 17 Ottobre 2017 08:03
usi

cpr certification online
cpr certification onlinecpr certification onlinecpr certification online